Analisi di settore: perché è fondamentale per la sopravvivenza ed il successo dell’azienda

L’analisi di settore è uno strumento fondamentale per valutare lo stato di salute del settore in cui si sta operando o si vorrebbe entrare. L'analisi di mercato, la competizione e le tendenze sono tutti fattori importanti che devono essere presi in considerazione durante un'analisi del settore.

L'obiettivo principale di questo tipo di analisi è quello di identificare i punti deboli e forti del settore e quindi identificare le opportunità per creare un vantaggio competitivo. Inoltre, l'analisi del settore può anche aiutare a definire i punti di forza e debolezza della propria attività per assicurarsi che si sia in linea con la direzione corretta.

Un'analisi completa dovrebbe prendere in considerazione tutti gli aspetti pertinenti al mercato, come ad esempio clienti, prodotti, concorrenti e industria. Il risultato finale dovrebbe fornire un quadro chiaro su quale sia il livello competitivo dell'industria e le grandezze economico-finanziarie medie settoriali, a tal proposito si legga la nostra metodologia sul calcolo del bilancio medio settoriale.

Tale analisi può essere estremamente preziosa per aiutare un'organizzazione a formulare strategie di successo. Un'analisi di mercato ben fatta può anche fornire informazioni su come posizionare prodotti e servizi al meglio all'interno del mercato e, infine, massimizzare i profitti.

Concorrenza

La concorrenza può essere valutata utilizzando diverse metriche, come la concentrazione del mercato, la presenza di barriere all'entrata e la competizione basata sui prezzi.

Per esempio, se un mercato è altamente concentrato con pochi grandi player, ciò potrebbe indicare un'alta competizione e una minore opportunità per nuove aziende. Se invece le barriere all'entrata sono basse e c'è una forte concorrenza basata sui prezzi, potrebbe essere più facile per nuove aziende entrare nel mercato e competere con i leader del settore.

Un esempio pratico di analisi di settore potrebbe essere quello di valutare l'opportunità di investire in un'azienda del settore della tecnologia dell'informazione (software, intelligenza artificiale, cybersecurity). Potremmo raccogliere i dati sulla crescita del mercato, sui principali concorrenti e sui margini di profitto delle aziende leader del settore. Utilizzando questi dati, saremmo in grado di valutare l'attrattività del settore e decidere se l'investimento in un'azienda specifica sarebbe conveniente.

Inoltre, l'analisi di settore può essere integrata con altre metodologie come l'analisi SWOT (Strength, Weaknesses, Opportunities and Threats) per avere una visione più completa delle opportunità e dei rischi legati al settore.

Fattori critici di successo

I fattori critici di successo del settore possono essere sfruttati dalle aziende per migliorare la loro competitività. Ad esempio, in un settore in cui i costi di produzione sono un fattore chiave di successo, quale la metallurgia, le aziende potrebbero investire in tecnologie più efficienti per ridurre i costi e aumentare i margini di profitto.

Posizione competitiva

Utilizzando una matrice di posizione competitiva come la matrice di Boston Consulting Group (BCG) o la matrice di Ansoff, è possibile valutare se un'azienda è leader di mercato, follower, oppure operante in una nicchia, e come questo influenzi la sua posizione competitiva e le opportunità di crescita.

La matrice di Ansoff può essere utilizzata anche per valutare la presenza di opportunità di diversificazione nel settore e di espandere il mercato target.

Sostenibilità

Se un settore dipende fortemente da fonti energetiche non rinnovabili (ad esempio la raffinazione di prodotti petroliferi) o se un settore sta causando danni ambientali significativi, questo potrebbe essere un segnale di una scarsa sostenibilità a lungo termine e potrebbe influire sulle opportunità di business future.

Inoltre, è importante considerare anche gli aspetti normativi ed i fattori di rischio legati al settore, ad esempio le normative ambientali e le possibili sanzioni per inadempienze, o i fattori geopolitici che possono influire sull'economia e sul settore. Questa può essere effettuata mediante analisi PESTEL.

Redditività

La redditività del settore va valutata nel suo complesso ed in relazione ai singoli operatori che vi fanno parte. Attraverso l’impiego di metriche come il rapporto tra margine operativo lordo e ricavi (EBITDA margin) o il rapporto tra utili e ricavi (profit margin) del bilancio medio settoriale è possibile valutare se un settore o un'azienda è redditizio o meno.

L'analisi può essere utilizzata per identificare i fattori che influiscono sulla redditività del settore, come ad esempio la domanda, i costi, la concorrenza, la tecnologia e i fattori normativi. Sfruttando queste informazioni le aziende possono identificare le opportunità per migliorare la redditività e adattarsi alle tendenze del mercato.

Per esempio, per analizzare il settore dell'automobile potremmo raccogliere i dati sulla domanda di veicoli, sui prezzi dei vari modelli, sui costi di produzione e sui margini di profitto delle aziende leader del settore, e con questi dati saremmo in grado di valutare la competitività del settore e le opportunità per nuove aziende o prodotti.

Inoltre, l'analisi di settore può essere utilizzata per identificare i trend del settore, come l'aumento della domanda per i veicoli elettrici, e per prevedere come questi trend potrebbero influire sulle opportunità di business future.

L’arco temporale di analisi può essere esteso nel lungo termine, impiegando metriche come il tasso di crescita del settore o il tasso di rendimento sugli investimenti (ROI), che ci consentono di valutare se un settore è in grado di generare profitti stabili e a lungo termine.

Vantaggio Competitivo

Per valutare la presenza di vantaggi competitivi sostenibili all'interno del settore e dell’azienda, occorre utilizzare metriche come la quota di mercato, la lealtà dei clienti e la reputazione dell'azienda, così da valutare se all’interno del settore o dell’azienda sono presenti vantaggi competitivi sostenibili che gli consentono di mantenere una posizione di leadership a lungo termine.

Importante a tal fine è identificare i fattori che contribuiscono a creare vantaggi competitivi sostenibili all'interno del settore, come ad esempio la qualità dei prodotti o dei servizi, la reputazione, la fedeltà dei clienti o la capacità di innovare. Utilizzando queste informazioni, le aziende possono identificare le opportunità per migliorare i propri vantaggi competitivi e adattarsi alle tendenze del mercato.

Rischi

Utilizzando metriche come l'indice di volatilità del mercato, è possibile valutare se un settore è soggetto a fluttuazioni significative e a rischi elevati. Inoltre, è possibile identificare i fattori che contribuiscono a creare questi rischi, come ad esempio la dipendenza da pochi clienti o fornitori, la dipendenza da una singola tecnologia o la dipendenza da un unico mercato geografico. Con queste informazioni, le aziende possono identificare le opportunità per ridurre i rischi e adattarsi alle tendenze del mercato.

Barriere all’ingresso

La presenza di barriere all'ingresso significative nel settore può essere analizzata con metodi quali l'analisi delle Cinque Forze di Porter, come ad esempio la presenza di grandi aziende leader del mercato, la necessità di grandi investimenti iniziali o la presenza di requisiti normativi rigorosi (vedi ad esempio il settore farmaceutico). Con queste informazioni le aziende possono identificare le opportunità per entrare nel settore o per consolidare la loro posizione di mercato, magari attraverso operazioni di fusione e acquisizione.

Conclusioni

Per condurre un'analisi di settore, è importante considerare sia i fattori interni che esterni all'azienda. Ad esempio, per valutare i fattori interni, è possibile utilizzare metodi come l'analisi SWOT, che considera le forze, le debolezze, le opportunità e le minacce dell'azienda. Per valutare i fattori esterni, è possibile utilizzare metodi come l'analisi PESTEL, che considera i fattori politici, economici, sociali, tecnologici, ambientali e legali che influiscono sul settore.

Inoltre, una volta che le informazioni sono state raccolte e analizzate, è importante utilizzare queste informazioni per formulare raccomandazioni e prendere decisioni informate. Ad esempio, le informazioni raccolte attraverso l'analisi di settore possono essere utilizzate per formulare raccomandazioni riguardo gli investimenti, la pianificazione strategica e la valutazione della posizione competitiva delle aziende.

E’ importante notare che l'analisi di settore non è un processo statico, ma deve essere ripetuto periodicamente per tenere conto delle nuove tendenze e delle evoluzioni del mercato. Le informazioni raccolte durante l'analisi di settore devono essere confrontate con i dati storici per valutare l'evoluzione del mercato e del settore. Inoltre, è importante monitorare costantemente le notizie e gli eventi del settore per identificare le opportunità e i rischi potenziali.

L'analisi di settore non deve essere condotta in modo isolato, ma deve essere integrata in un processo più ampio di pianificazione strategica. Infatti le informazioni raccolte durante l'analisi di settore possono essere utilizzate per formulare obiettivi strategici a lungo termine, sviluppare piani di azione e valutare i progressi verso gli obiettivi.

 

Bibliografia:

  • Ansoff, H. Igor. Corporate strategy. McGraw-Hill, 1965.
  • Cantor, David A & Kihn, Peter A (2009). Market Segmentation: How to Do it, How to Profit from It. Wiley Publishers.
  • Drury, Colin (2008). Management and Cost Accounting, London: Thomson Learning.
  • Ernst & Young LLP (2019). Strategic Planning for Your Business: An Overview Retrieved from https://www.eystrategytoolbox.com/archives/2967
  • Grant R M (2015). Strategic Planning for Competitive Advantage. New Jersey; Pearson Education Inc.
  • Henderson, J. & Quelch, J. (2012). Strategy and the New Economics of Information, Harvard Business Review Press.
  • Hitt, M., Ireland D., Hoskisson R (2015). Strategic Management: Concepts and Cases 5th Edition. Mason Ohio; South-Western Cengage Learning.
  • Hollensen S. (2014). Global Marketing 6th edition Harlow; Pearson Education Limited.
  • Johnson, Gerry, and Kevan Scholes. Exploring Corporate Strategy: Text & Cases. Prentice Hall, 2002.
  • Kotler P., Armstrong G., Harker M., Brennan R (2005). Principles of Marketing 5th edition Pearson Education Inc., Upper Saddle River.
  • Kotler, Philip & Keller, Kevin Lane (2012). Marketing Management 14th edition. Pearson Education Inc., Upper Saddle River.
  • Kotler, Philip, and Gary Armstrong. Principles of Marketing. Prentice Hall, 2014.
  • Lambin, J-J (2000) Strategic Management: From Theory to Implementation 5th edition London; Prentice Hall Europe Limited.
  • McKinsey & Company (2016). How to Use Market Segmentation Analysis to Drive Growth. Retrieved from https://www.mckinsey.com/business-functions/marketing-and-sales/our-insights/how-to-use-market-segmentation-analysis-to-drive-growth
  • Mintzberg H., Ahlstrand B., Lampel J. (1998). Strategy Safari: a Guided Tour Through the Wilds of Strategic Management. The Free Press, New York.
  • Moran, P., Abramson, N., Moran, S. & Magrath, B. (2009). Managing Cultural Differences: Global Leadership Strategies for the 21st Century 8th edition. London: Routledge Taylor & Francis Group.
  • Porter, Michael E. "The Five Competitive Forces That Shape Strategy," Harvard Business Review, 2008
  • Smith A., Tushman M., Oxley J (1996). Technological Discontinuities and Dominant Designs: A Cyclical Model of Technological Change. The Academy Of Management Review, Vol. 21, No. 4 pp 1117-1145
  • Thompson Jr., A.A., Strickland III A.J., Gamble, J.E (2012). Crafting and Executing Strategy 19th Edition Australia: McGraw-Hill Education/Irwin Publishers.